La gestione del malato: i consigli dell'infermiere



Il 14 novembre si terrà, a partire dalle ore 20.00, presso la Casa di Riposo Stella Montis di Fondo, il secondo incontro del corso formativo-informativo “Invecchiare in rete”. Durante questo incontro, tenuto da Francesco Brugnara, infermiere, sarà possibile capire quali sono i rischi lavoro-correlati, ragionare sugli interventi per ridurre i potenziali pericoli e conoscere le possibili strategie da mettere in atto in caso di infortunio.


Nella vita di tutti i giorni infatti, non facciamo caso a tutti i potenziali pericoli che ci circondano: scale, coltelli, forbici, corrente elettrica, sostanze pericolose (varechina, acidi …), oggetti o sostanze calde (acqua e olio bollenti, pentole, fiamma del gas), microbi responsabili di infezioni, sostanze che danno allergie... E spesso sottovalutiamo condizioni di lavoro che comportano sforzi o posture scorrette (spostamento di anziani, sollevamento di pesi).

Quando parliamo di infortunio, intendiamo un evento dannoso e improvviso che si verifica mentre si lavora; molto spesso le cause appaiono essere le più banali, come l’uso scorretto degli apparecchi elettrici, le condizioni del pavimento (scivoloso, bagnato..), la presenza di tappeti, oggetti appena usati e mal riposti (scala, coltelli …).

A cause così apparentemente “banali” si accostano conseguenze d’infortunio potenzialmente devastanti: cadute (da scale, sgabelli, sedie …), tagli (con forbici, coltelli …), esplosioni (da gas …), ustioni (da fuoco, calore …), folgorazioni (da corrente elettrica), intossicazione da sostanze chimiche.

Conoscere questi potenziali pericoli ci permette di prestarvi attenzione, individuando prontamente potenziali rischi per rimuoverli o adoperarli nella modalità più corretta; favorendo la messa in sicurezza nostra e di chi ci circonda.


L’ambiente diviene così protesico per noi e per la persona che assistiamo, non più potenzialmente pericoloso. Gli interventi ambientali, sono strategie molto utili soprattutto nelle fasi più avanzate di malattia, dove l’ambiente diviene una risorsa per la persona, un ambiente confortevole e accogliente.

#Psicologia #Invecchiareinrete #Benessere

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Black Icon Instagram
  • Black Icon LinkedIn
  • Nero Facebook Icon
  • Nero Twitter Icon
instagram
carta dei servizi

SCARICA QUI LA NOSTRA

newsletter

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

 “Il Ministero della Salute ritiene equiparabili le prestazioni professionali dello psicologo e dello psicoterapeuta alle prestazioni sanitarie rese da un medico, potendo i cittadini avvalersi di tali prestazioni anche senza prescrizione medica. È pertanto possibile ammettere alla detrazione di cui all’art. 15, comma ,1 lett. c), del TUIR le prestazioni sanitarie rese da psicologi e psicoterapeuti per finalità terapeutiche senza prescrizione medica.” Circolare AE nr. 20/e del 2011

TRENTO | Corso 3 Novembre, 116
CLES | Via Lorenzoni, 27

Impresa sociale costituita anche con il contributo del Fondo europeo di sviluppo regionale legato al Programma operativo 2007-2013 FESR della Provincia Autonoma di Trento.

  • Facebook Neuroimpronta
  • Instagram Neuroimpronta

NeuroImpronta Società Cooperativa Sociale | P. IVA e C.F. 02332820220 | Pec: neuroimpronta@pec.cooperazionetrentina.it