• Team psicologi

Un pò di chiarezza: quando dare lo smartphone ai nostri figli?


Tra il 2010 e il 2012 l'American Academy of Pediatrics e la Canadian Society of Pediatrics hanno affermato che per garantire una buona salute e un sano sviluppo nei bambini è bene che essi non siano esposti a tecnologia tra gli 0 e i 2 anni. Negli anni successivi l'esposizione dev'essere graduale e contenuta: fino ai 5 anni per non più di un'ora al giorno e fino ai 18 anni non più di due ore al giorno.

Tali dati sono tra i primi che abbiamo a disposizione poiché le nuove tecnologie e la loro massiva diffusione sono fenomeno recente, le ricerche scientifiche sono agli albori, studi longitudinali potranno permetterci di capire meglio i possibili effetti negativi e/o positivi delle nuove tecnologie.

Un secondo studio, condotto da un gruppo di ricerca, nella parte opposta del mondo, ha indagato le condizioni oftalmiche degli occhi di 916 bambini (dai 7 ai 12 anni di età). Gli oftalmologi del College of Medicine della Chung Ang University Hospital di Seul che hanno pubblicato la ricerca sulla rivista BMC Ophthalmology, hanno rilevato che una percentuale di bambini pari a circa il 7% aveva i sintomi della sindrome dell’occhio secco  e, di questi, il 97% era utilizzatore assiduo di smartphone per, in media, 2-3 ore al giorno. 

Tornando in Italia abbiamo il piacere di condividere con voi un lavoro svolto dai colleghi dell'associazione di Cesena che hanno elaborato le linee guida APP - Accompagnare, Proteggere, Proporre. Dai dati emersi il Centro Studi Psichedigitale e riportati sul vademecum suddiviso per fasce di età è sconsigliata prima dei due anni di età l'esposizione del bimbo a qualsiasi tipologia di schermo, fino ai 6 anni l'uso di strumenti tecnologici dovrebbe avvenire in presenza dell'adulto e, fino ai 9 anni è bene evitare l'uso dello smartphone senza un'adeguata supervisione.

Il lavoro è stato presentato a febbraio a Cesana in occasione del Festival della salute digitale.

La tecnologia non dev'essere demonizzata, ma il bambino è bene sia accompagnato dalla figura di attaccamento nell'esplorazione di questo mondo. Stimolare le "tech talk" - "chiacchierate sulla tecnologia" aumenta la condivisione, crescendo futuri adolescenti informati e genitori più tutelanti.

NeuroImpronta - Psicologi Trento e Cles

#Bambini #Benessere #Conoscere #Famiglia #Genitorialità #Prevenzione #Salute #Trento #Psicologia #psicologo #Psicoterapia

12 visualizzazioni
instagram
carta dei servizi

SCARICA QUI LA NOSTRA

newsletter

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

 “Il Ministero della Salute ritiene equiparabili le prestazioni professionali dello psicologo e dello psicoterapeuta alle prestazioni sanitarie rese da un medico, potendo i cittadini avvalersi di tali prestazioni anche senza prescrizione medica. È pertanto possibile ammettere alla detrazione di cui all’art. 15, comma ,1 lett. c), del TUIR le prestazioni sanitarie rese da psicologi e psicoterapeuti per finalità terapeutiche senza prescrizione medica.” Circolare AE nr. 20/e del 2011

TRENTO | Corso 3 Novembre, 116
CLES | Via Lorenzoni, 27

Impresa sociale costituita anche con il contributo del Fondo europeo di sviluppo regionale legato al Programma operativo 2007-2013 FESR della Provincia Autonoma di Trento.

  • Facebook Neuroimpronta
  • Instagram Neuroimpronta

NeuroImpronta Società Cooperativa Sociale | P. IVA e C.F. 02332820220 | Pec: neuroimpronta@pec.cooperazionetrentina.it